Cammino di San Benedetto – da Subiaco a Montecassino

Data partenza
Data ritorno
Durata
Quota partecipazione
Note
Extra

Dettagli tour

Itinerario

1° GIORNO: Trento e dintorni/Subiaco
Partenza da Trento/Rovereto e dintorni per Subiaco. Soste lungo il percorso, pranzo al sacco. Arrivo, sistemazione presso il Monastero di S. Scolastica.
Nel pomeriggio visita del bellissimo monastero di Subiaco, luogo fondamentale dell’esperienza benedettina, un concentrato di spiritualità, storia, arte e natura.
Cena e pernottamento.

2° GIORNO: Subiaco – Trevi nel Lazio (km 18)
Dislivello totale salita 350 m
Prima colazione al monastero e partenza. Tappa facilissima e magnifica dal punto di vista naturalistico, lungo il corso del fiume Aniene, all’interno del Parco regionale dei monti Simbruini. Salita costante e quasi impercettibile; da Santa Scolastica fino al ponte Comunacque è un’immersione in una natura primordiale dominata dal verde e dall’acqua.
Arrivo a Trevi nel Lazio, trasferimento in hotel, cena e pernottamento.

3° GIORNO: Trevi nel Lazio – Vico nel Lazio (km 19)
Dislivello totale salita 560 m – discesa 750 m
Prima colazione in hotel. Oggi passeremo dai monti Simbruini agli Ernici, attraverso paesi di montagna dove il tempo sembra essersi fermato.
La prima parte di percorso è un affascinante sentiero che ripercorre un’antichissima via di comunicazione e vi possiamo ammirare uno splendido arco romano in mezzo al bosco. Lungo il cammino incontreremo l’interessante centro storico di Guarcino caratterizzato da numerose fontane dall’acqua buonissima tra cui vanno segnalate la fonte di Filette e San Luca, dalle proprietà curative. Da non perdere gli “amaretti” di Guarcino, dolcetti con pasta di mandorle.
Successivamente arriveremo a Vico nel Lazio, termine della nostra tappa, un angolo di vero Medioevo nel cuore della Ciociaria. Merita una visita la sua poderosa cinta muraria munita di 25 torri e 5 porte d’accesso, di cui 2 murate. Trasferimento in hotel, cena e pernottamento.

4° GIORNO: Certosa di Trisulti –Casamari (km 20)
Dislivello totale salita 440 m – discesa 730 m
Prima colazione in hotel. Oggi tappa paesaggisticamente molto bella e artisticamente ricca per la presenza della Certosa di Trisulti, magnifico complesso monacale del 1200 immerso nei boschi secolari dei monti Ernici dove all’interno si trova una tra le più belle Farmacie monastiche d’Europa completamente affrescata tra il 1800/1900, e la cistercense Abbazia di Casamari, nostro punto tappa, senza dubbio uno dei rari esempi in Italia di architettura cistercense.
Durante il nostro cammino incontreremo poi i ruderi del monastero di San Domenico fondato intorno al 996, i resti del convento di San Nicola a Civita da cui si gode una superba vista della certosa di Trisulti. Cena e pernottamento.

5° GIORNO: Casamari – Arpino (km 18,6)
Dislivello totale salita 440 m – discesa 280 m
Prima colazione e partenza per questa giornata di cammino che si svilupperà su strade secondarie. Incontreremo il borgo di Monte San Giovanni Campano, uno dei borghi più belli d’Italia costruito lungo il digradare di un colle roccioso formato da un castello sommitale e da un abitato con le case addossate le une alle altre. Una poderosa cinta muraria, di cui restano visibili solo pochi tratti, ne difendeva il lato nord-est, mentre gli altri versanti erano resi sicuri da pareti a strapiombo. Il panorama che si gode da qui è magnifico.
Raggiungeremo poi al termine della nostra tappa Arpino, situato a cavallo di due colli nell’alta valle del Liri, sovrastato dall’antica acropoli di Civitavecchia.
Arpino è un luogo traboccante di storia che tra l’altro diede i natali a Cicerone, Caio Mario e Marco Vipsanio Agrippa. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

6° GIORNO: Arpino – Roccasecca (km 17,8)
Dislivello totale salita 410 m – discesa 630 m
Prima colazione in hotel. Oggi tappa molto bella sotto il profilo storico-artistico con l’acropoli di Civitavecchia, un vero gioiellino e naturalistico, le gole del Melfa, uno spettacolare canyon. Si cammina in una natura selvaggia e primordiale; per la totale mancanza di acqua e punti di ristoro, occorrerà procurarsi acqua ad Arpino.
Al termine della nostra tappa arriveremo a Roccasecca sovrastata dal monte Asprano in posizione panoramica, sulla valle del Liri. Edificata prima del Mille come luogo fortificato del sistema difensivo dell’Abbazia di Montecassino, trasse il suo nome dalla scarsità di acqua del luogo. È importante soprattutto per essere il luogo natale di Tommaso d’Aquino. Notevole il complesso medievale che comprende i resti della rocca dei conti d’Aquino dove San Tommaso vide la luce e la trecentesca chiesetta di San Tommaso. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

7° GIORNO: Roccasecca – Montecassino (km 19)
Dislivello totale salita 450 m – discesa 240 m
Prima colazione in hotel. Ultima tappa del cammino, la più emozionante! Raggiungeremo l’abbazia camminando sul sentiero attraverso il quale i soldati polacchi entrarono nelle rovine di Montecassino il 18 maggio 1944.
Difficilmente riusciremo a trattenere l’emozione quando sul sentiero ci apparirà l’abbazia in tutta la sua imponenza, ricostruita “com’era, dov’era”. Ed emozionante sarà entrare in quel luogo in cui spiritualità, cultura, storia e arte sono riuscite nei secoli a fondersi in una sintesi esemplare. Visita dell’abbazia, trasferimento in hotel cena e pernottamento.

8° GIORNO: Montecassino – Orvieto – Rovereto/Trento
Prima colazione in hotel. Partenza per Orvieto, arrivo e visita libera della città. Pranzo libero e nel primo pomeriggio rientro a Rovereto/Trento. Arrivo in serata.

Informazioni Quota

Quota comprende

Viaggio in bus Gt
Sistemazione in monastero/hotel 3/4 stelle in trattamento di mezza pensione, camere con bagno privato
6 package lunch
Guida ambientale escursionistica
Ns accompagnatore
Ass.ne medico/bagaglio/anti covid/annullamento

Quota non comprende

Bevande ai pasti
Pranzo del primo e ultimo giorno
Ingressi
Tutto quanto non specificato né “la quota comprende”

Esplora altri cammini